News ed Eventi

European solidarity corps: occupational strand

A Roma l’evento di lancio del progetto European Solidarity Corps-Occupational strand
27/11/2017

Il 24 novembre 2017 a Roma, presso la Sede della Rappresentanza della Commissione europea in Italia (Spazio Europa), si è svolto l’evento pubblico “Giovani europei al lavoro per la solidarietà” per lanciare il progetto European Solidarity Corps: Occupational Strand.

Ai saluti iniziali di Beatrice Covassi (Rappresentante della Commissione europea in Italia), Luigi Bobba (Sottosegretario Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) e Maurizio Del Conte (Presidente Anpal), è seguita la presentazione del Programma e del progetto a cura di, rispettivamente, Denis Genton (CE DG Employment) e Marinella Colucci (ANPAL – Coordinatore Nazionale EURES).

Nella tavola rotonda successiva, si sono confrontati sul tema della solidarietà come impegno civile e opportunità di occupazione gli attori istituzionali che si occupano delle tematiche di rilievo per il progetto, come Alessandro Lombardi e Annarita Guidi (DG Immigrazione e Terzo Settore del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali), e i rappresentanti di alcune realtà organizzative di spicco nell’ambito della solidarietà e del lavoro, come Caritas, Forum Terzo Settore, Unioncamere e Fondazione Giacomo Brodolini.

Il progetto, che fa parte dell’Area Occupazione dell’iniziativa European Solidarity Corps della Commissione europea, offre a 2.000 giovani la possibilità di vivere un’esperienza lavorativa, o di tirocinio lavorativo, nel settore della solidarietà e in uno dei 28 Paesi dell’Unione europea.

Il progetto è gestito da ANPAL – Ufficio di Coordinamento Nazionale EURES Italia, in partnership con Fondazione Giacomo Brodolini, gli Uffici di Coordinamento EURES di Spagna e Slovenia, Città Metropolitana di Roma Capitale e Capitale Lavoro, DIAN Grecia, VOLUM Romania, Time4society Belgio, Camera di Commercio e Industria Bulgaria, La DG Immigrazione e la DG Terzo settore del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, la rete Eurodesk Italia, Unioncamere e 18 membri della rete EURES nazionale.