Innovazione sociale e governance territoriale: la dimensione trasformativa delle cooperative di comunità

01 / 12 / 2020
Le cooperative di comunità adottano modelli che rispecchiano le esigenze specifiche dei territori in cui si insediano
Collana

Nel suo significato originale, l’innovazione sociale ha a che fare con il “cambiamento” e la “trasformazione sociale” (Moulaert et al., 2017a). Secondo il cd. approccio dei movimenti per la trasformazione socio-politica, l’innovazione sociale è intesa come un processo in grado di rafforzare le relazioni sociali (Moulaert et al., 2017b) e il territorio è concepito in termini di “forme spaziali” localizzate ed interconnesse – fisiche, naturali o sociali – definite dalle relazioni tra gli agenti che lo abitano e lo vivono. L’innovazione sociale, quindi, è organicamente presente in tre modi: a) come strategia di attori che cercano di soddisfare bisogni materiali, economici, ecologici, politici e socio-culturali; b) come miglioramento delle relazioni sociali tra gli agenti del territorio; c) come costruzione di nuovi sistemi di governance strutturati sulla base di esperienze territoriali, in modo cooperativo, daagenti socialmente innovativi. Dentro questo frame interpretativo si inseriscono le cooperative di comunità, soggetti socio-economici che fanno del “co-operare” il principio imprenditoriale necessario per generare coesione sociale, in territori vulnerabili e con fabbisogni specifici. In queste realtà, si generano spesso opportunità imprenditoriali finalizzate al perseguimento dello sviluppo comunitario e della massimizzazione del benessere collettivo (Irecoop, 2016). Le cooperative di comunità, infatti, adottando modelli e strutture organizzative che rispecchiano le esigenze specifiche dei territori in cui si insediano – spesso geograficamente isolati e in aree interne del paese –, attivano processi di innovazione sociale trasformativa che partono dalla rigenerazione di risorse delle comunità, accompagnate talvolta da politiche (pubbliche o private) di sviluppo locale. La cooperazione è metodo per l’innovazione sociale trasformativa e, quindi, alla base dell’origine delle cooperative di comunità, soggettualità che fioriscono all’interno di un ambiente, un’ecologia mutualistica (Venturi, 2019). Il paper intende analizzare il contributo di tali soggetti imprenditoriali in termini di innovazione sociale come potenziamento delle dimensioni economico, sociale, culturale e ambientale dei territori su cui insistono. Oggetto dell’analisi saranno 30 imprese cooperative italiane facenti parte di un panel selezionato e recentemente promosso da Confcooperative attraverso un bando dedicato del Fondo Mutualistico (Fondosviluppo) e le relative progettualità attivate, per evidenziare, da un lato, la loro dimensione economica e occupazionale e, dall’altro, l’impatto economico, sociale, ambientale e culturale.